La nostra pagina Facebook

Anche quest'anno, tra partenze e arrivi, è ricominciata il 23 settembre la vita fraterna comune nel pontificio seminario regionale marchigiano Pio XI per l'anno formativo 2018/2019. La prima grande novità è nell'équipe formativa: stavolta non si tratta di un arrivederci come quello che abbiamo dato a don Luciano, attualmente vescovo di Gubbio, ma di un benvenuto, quello al sacerdote ascolano Don Daniele De Angelis che collaborerà, come vice-rettore e per quest'anno educatore del propedeutico, alla formazione di quanti, ciascuno secondo la tappa del proprio cammino, si sentono chiamati a servire Cristo e la Chiesa mediante il sacerdozio ministeriale. Resta invariato il resto dell'équipe: don Claudio Marchetti, della diocesi di San Benedetto, rettore e formatore del secondo e terzo biennio; don Francesco Savini, della diocesi di Senigallia, vice-rettore nonché formatore del primo biennio; don Mariano Piccotti, della diocesi di Jesi e padre spirituale del seminario; don Francesco Pierpaoli, della diocesi di Fano, padre spirituale del propedeutico.
Quest'anno la comunità del seminario si compone di trenta seminaristi provenienti da dieci diocesi delle marche (Urbino, Fano, Jesi, Macerata, Ancona, Fabriano, Camerino, Ascoli Piceno, Senigallia e San Benedetto) distribuiti equamente nei tre bienni in cui, per esigenze formative, si suddivide la compagine seminariale.
Si segnala inoltre la oramai usata e graditissima internazionalità del nostro seminario che ha modo anche quest'anno di arricchirsi di esperienze, volti e sensibilità geograficamente e culturalmente distanti ma in comunione di fede e affetto fraterno. In particolare, oltre alla presenze immutate del brasiliano Josimar Silva Santos (per la diocesi di Ascoli Piceno) e del cinese Panbo (Pietro) Shi (per la diocesi di Macerata), impreziosiscono il volto della nostra comunità i nuovi arrivati - rispettivamente dall'Honduras e dal Guatemala - Fredy ed Eduardo, per la diocesi di Fabriano-Matelica.

Dal 1 ottobre si sono uniti a noi anche i fratelli della comunità propedeutica per muovere i primi passi nel discernimento vocazionale.